fbpx

Diva- Fashion – Geek

diva

Perché ognuno di noi deve sentirsi diva

Ogni diva che si rispetti, conta su un bel corpo e un ancora più bel cervello.

Terminologa e Q/A Analyst al Centro di Traduzione degli Organismi dell’Union europea, lavora con 8 milioni di termini tradotti in 24 lingue nel più grande database terminologico del mondo, IATE. Il suo nome è Maria Pia e lei sì che è una vera diva!!!

Ha trasformato un suo limite, in gioielli e t-shirt di tendenza e ci racconta:

….quasi 8 anni fa mentre muovevo i primi passi con i CMS, spesso mi bloccavo per alcuni problemi molto banali con l’HTML, il più frequente dei quali era la chiusura del tag <div>. Poi un giorno ho capito che dovevo trasformare questo tag da mio peggior nemico a mio migliore amico, e così, aggiungendo semplicemente una semplice “a”; alla fine, si è trasformato in <div>a

 

Siamo all’interno di un mondo di programmazione web (lavori un po’ nerd nel linguaggio comune) e magari non tutti sanno che cosa sia un CMS o il linguaggio HTML, ma ragazze, non è quello l’importante (e comunque rimando a babbo Google ogni approfondimento). Focalizziamoci un attimo su ciò che è successo: Mariapia sbagliava sempre una cosa del suo lavoro e ha deciso di prenderla, vestirla un po’ di rosa e sfruttarla per farne un altro lavoro!

Ora, non vorrei esagerare ma anche l’antibiotico è nato da un “errore di laboratorio, no?”
diva
credits by @divafashiongeek

Io ho conosciuto Maria Pia su IG e poi ho scoperto il suo canale divafashiongeek , vetrina delle sue creazioni dove si trovano non solo t-shirt come quella che ho scelto io, ma anche accessori veramente unici.

Dal linguaggio della programmazione web, così freddo e maschile, è nato un nuovo mondo che coinvolge più persone e rende felici tantissime donne:

la linea di gioielli Diva Fashion Geek (@divafashiongeek si Instagram) è ispirata all’HTML. Il design è stato ideato da me, disegnato da Fabio Benedetti, Visual Designer Apps della Apple (@cocorino su Instagram) ispirandosi al #retrogaming e a Notepad++. I gioielli sono stati realizzati da Gabriele Palombi, orafo romano, in argento placcato platino, così da poter essere indossato tutti i giorni. Ci sono la collana <strong>, gli orecchini <head> e la collana <div>a, tutti ispirati ai medesimi tag HTML. E poi anche le t-shirt, per sopravvivere alle già torride giornate estive.

Mariapia si appoggia a Etsy, una piattaforma dove trovare tutte le sue creazioni, almeno fino a quando non lancerà il suo e-commerce che sinceramente non vedo l’ora di vedere! Sarà veramente un piacere poter aggiungere ancora più <div>a al carrello.

Ecco alcune domande che mi sono sentita di fare durante la nostra intervista:

Perché ognuno di noi dovrebbe essere un po’ di <div>a?

Perché dobbiamo usare gli strumenti tecnologici a nostra disposizione per proiettare
un’immagine professionale brillante. Come per ogni <div>a che si rispetti, il <body> conta
quanto la <head>.

Dovremmo usare i social per creare delle sinergie, selezionare le persone
di cui ci fidiamo e con cui fare brainstorming. A mio avviso, il successo sui social non si
misura dal numero dei like ma dall’effetto che facciamo su chi ci legge e ci segue. Se tre
persone leggono il nostro post e una di loro ci contatta per esprimere la propria gratitudine,
beh, questo per me vale molto più di 5.000 like.

Essere una <div>a è completamente diverso
dall’essere una influencer. In realtà, è l’esatto opposto. Perché mentre gli influencer basano i
proprio successo sul numero dei follower, le <div>e condividono la loro esperienza e
conoscenza con il proprio network. Lavorano nel settore di cui parlano, non smettono di
imparare, si impegnano a generare contenuti autentici e di qualità, non per il proprio profitto
o per il profitto di qualcun altro, ma al solo scopo di condividere con gli altri informazioni e
consigli preziosi.

Cosa ci dobbiamo aspettare oltre da Diva Fashion Geek ?

Per ora le magliette per traduttori con lo slogan “I’m a translator because God is busy”,
attraverso la vendita delle quali sto raccogliendo fondi per Translators without Borders.

Personalmente, non vedo l’ora di festeggiare i prossimi successi e, soprattutto, fare un bel summit a Milano a stretto giro!

Brava tesoro, continua così!

SaveSave

SaveSave

SaveSave

SaveSave

SaveSave

SaveSave

SaveSave

SaveSave

SaveSave